Archivio per la categoria ‘sessismo’

“Mignottocrazia. La sera andavamo a ministre” è un libro scritto da Paolo Guzzanti, pubblicato nel gennaio 2010, edito da Aliberti editore. La Minetti lo ha pure comprato, vantando di averlo fatto con soldi pubblici, bontà sua e della sua sensibilità istituzionale.  Eppure la battuta, riferita a Bruxelles, di Battiato, suscita scalpore nel clima arroventato da insulti alla dignità umana ben peggiori. Perché?  Perchè non vera? No, troie ce ne sono, ce ne sono state in parlamento, tutti non possono che concordare. Perché riferito a donne? No, perché “troia” è un’epiteto che può ampiamente volgersi al maschile nell’italiano corrente, anche se pare che l’Accademia della crusca non si sia ancora espressa in merito. Allora perchè riferito in un ambito istituzionale? No, perché Minetti, Razzi, Scilipoti e compagnia bella appartengono da anni anch’essi ad un ambito istituzionale, addirittura più alto rispetto a quello dell’assessore siciliano. E se nel parlamento Madama Ipocrisia sedeva, con in mano ben stretti i “limiti della decenza” fino a poco tempo fa, gli stessi  che pare ora aver oltrepassato l’assessore siciliano, le sono caduti dalle braccia il giorno stesso in cui l’emiciclo ridens ha votato il riconoscimento della nipote di Mubarak.
Dunque solo perché la verità sulla compravendita di carne parlamentare è stata rivelata, qual “velo di Maya”, all’estero, dove si sa, dovremmo continuare a restar famosi per essere paese di santi, spaghettari, sublimi pagatori di tasse ed eroi, al massimo, che ne so, per sanremo.
Lasciatemelo dire, non traumatizzatevi adesso, ma all’estero sanno benissimo chi sono le troie in questione…andate a vedere la vignetta ford-india di ieri per farvene un’idea. I panni sporchi dovrebbero essere lavati in casa? Quando passano vent’anni però puzzano davvero. Alla fine siamo anche un popolo di acuti biblisti: capaci di perdonare i mercanti del tempio mentre lapidiamo i giusti. Insomma, vince ancora Barabba, ai voti, democraticamente eletto.

     in risposta a

: Battiato ha violato l’articolo 290 del codice penale e nessun poeta può chiedere esenzioni in materia.

  • Image
Annunci